venerdì 16 aprile 2021

LA S. COMUNIONE: Importantissime notizie storiche, sconosciute ai più


LA COMUNIONE SULLA LINGUA

E’ LEGGE UNIVERSALE DELLA CHIESA


LA COMUNIONE SULLA MANO 

E’ UN INDULTO, cioè UNA CONCESSIONE



Negli anni che seguirono il Concilio Vaticano II (1962-65) in Germania, Olanda, Belgio e Francia si diffuse l’abuso liturgico di distribuire la Comunione sulla mano, abuso sempre più radicato da non essere più eliminabile.

Già nel 1965 Papa Paolo VI comunicò ai vescovi delle diocesi di quei luoghi di tornare immediatamente ad applicare la LEGGE UNIVERSALE DELLA CHIESA, cioè la Comunione sulla lingua. Tuttavia tale richiamo rimase inascoltato.

Nel 1968 si iniziò perciò a considerare la possibilità di concedere un INDULTO, ma UNICAMENTE per i luoghi in cui non si intendeva obbedire, definendo tuttavia tale uso molto discutibile e pericoloso a causa del pericolo di affievolire la fede del popolo nella Presenza REALE di Nostro Signore nella SS. Eucaristia.

Il 29 maggio 1969 la Congregazione per il Culto Divino pubblicò l’Istruzione “Memoriale Domini, la cui legislazione è TUTTORA IN VIGORE.

 

Tale documento, voluto ed approvato da Papa Paolo VI,  CONFERMO’ che

la Comunione SULLA LINGUA è LEGGE UNIVERSALE della Chiesa poiché:


1) “poggia su di una tradizione plurisecolare”;

2) “specialmente perché esprime e significa il riverente rispetto dei fedeli verso la santa Eucaristia”;

3) poiché “evita il pericolo di profanare le specie eucaristiche”.


Leggiamo ancora in tale documento:

Ecco dunque le tre domande poste ai Vescovi, e le relative risposte da essi pervenute fino al 12 marzo scorso:

1. Si ritiene opportuno accogliere la petizione che, oltre al modo tradizionale di ricevere la Comunione, sia pure consentito di riceverla in mano?

Sì: 567. No: 1233. Sì con riserva: 315. Schede nulle: 20.

2. Si è favorevoli a eventuali esperimenti di questo nuovo rito in piccole comunità, con l’assenso dell’ordinario del luogo?

Sì: 751. No: 1215. Schede nulle: 70.

3. Si pensa che i fedeli, dopo una ben condotta catechesi preparatoria, accetteranno volentieri questo nuovo rito?

Sì: 835. No: 1185. Schede nulle: 128.

Dalle risposte date risulta CHIARAMENTE il pensiero della GRANDE MAGGIORANZA dei Vescovi: la disciplina attuale NON deve subire mutamenti; anzi un eventuale cambiamento si risolverebbe in un grave disappunto per la sensibilità dell’orientamento spirituale dei Vescovi e di moltissimi fedeli.

 

Tuttavia questo documento consentì alle Conferenze Episcopali dei luoghi in cui l'abuso si era GIÀ verificato di poter chiedere un INDULTO per la Comunione sulla mano, ma SOLO nel caso in cui il loro episcopato lo avesse deciso con una maggioranza di DUE TERZI. In caso contrario, l'indulto NON poteva più essere richiesto.


Ma cosa accadde?

In un primo momento si osservò questo criterio ma, col passare del tempo, tale apertura fece sì che a poco a poco quasi tutte le conferenze episcopali del mondo chiedessero l’indulto.

Ciò avvenne anche per la Conferenza Episcopale Italiana, il 19 maggio 1989. 

MEDITIAMO

Alla luce di quanto sopra, è dunque ERRONEO ritenere che ricevere la Comunione sulla lingua sia un uso superato o equiparabile alla Comunione sulla mano, poiché quest'ultima è storicamente una forma che si affianca, ma NON sostituisce la precedente, né le è di per sé preferibile.

La Comunione sulla lingua è LEGGE UNIVERSALE DELLA CHIESA, ed in quanto tale RACCOMANDATA; quella sulla mano è un INDULTO, cioè una CONCESSIONE, e perciò solo CONSENTITA.

E’ vero che Gesù, durante l'Ultima Cena, diede il pane in mano agli Apostoli, ma lo fece in quanto primi vescovi. I Sacerdoti, infatti, hanno le mani consacrate con l'unzione ed è per questo che essi hanno il privilegio di toccare le specie eucaristiche.

mercoledì 4 novembre 2020

PREGHIERE PER I SACERDOTI - 13


 Pietà, Signore, per i Vescovi disobbedienti!

Pietà, Signore, per i Sacerdoti ribelli!

Pietà, Signore, per i Consacrati che vivono da veri pagani!

mercoledì 21 ottobre 2020

LI' C'E' GESÙ

Durante la sua ultima celebrazione del Corpus Domini, da lui presieduta nel 2002, il Papa non era più in grado di camminare, e fu necessario fissare la sua poltrona alla piattaforma del veicolo per la Processione.

Davanti a lui, al di sopra dell'inginocchiatoio, era esposto l'ostensorio con il Santissimo Sacramento.

Poco dopo la partenza, Giovanni Paolo II si rivolse a un cerimoniere e gli domandò se poteva inginocchiarsi.

Questi gli spiegò, con delicatezza, che era troppo rischioso, dato che il percorso era piuttosto accidentato e ciò riduceva la stabilità del veicolo.
Trascorsi alcuni minuti, il Papa ripeté: "Vorrei inginocchiarmi".

Gli risposero di aspettare che il fondo stradale migliorasse.

Alcuni istanti dopo, il Papa insistette: "Lì c'è Gesù... per favore!".

I due cerimonieri lo aiutarono a piegare le ginocchia poggiandole sull'inginocchiatoio.

Poiché non riusciva proprio a reggersi sulle gambe, tentò di aggrapparsi alla sua estremità ma, quasi subito, dovettero farlo nuovamente sedere.

Ma l'esempio mirabile di fede e amore a Gesù Eucaristico furono un insegnamento chiaro e commovente per molti.


Tratto dal MESSALINO TRIMESTRALE LA MIA MESSA - 4/2020 (ottobre-dicembre), Casa Mariana Editrice: https://www.casamarianaeditrice.it/categoria-prodotto/la-mia-messa/

domenica 6 settembre 2020

INVOCAZIONI - 12

Signore, 

che io non perda mai la fede

nei momenti di prove terribili

che sono arrivati nel mondo!

mercoledì 1 luglio 2020

LA S. MESSA - Insegnamenti - 54


La Santa Messa è il sacrificio 
del Corpo e del Sangue di Gesù Cristo che,
sotto le specie del pane e del vino, 
si offre dal sacerdote a Dio sull'altare,
in memoria e rinnovazione 
del sacrificio della Croce.

Il sacrificio della Messa 
è il sacrificio STESSO della Croce.

(Catechismo della dottrina cristiana, nn. 348-349)

Un insegnamento chiarissimo, che attesta il valore SACRIFICALE di OGNI S. Messa, in cui è IMMOLATO in modo INCRUENTO LO STESSO CRISTO che si offrì una volta sola in modo CRUENTO sull’altare della Croce.

Un eccelso, incomparabile Mistero di amore e di misericordia - tragicamente sottovalutato dai più - il cui REALE significato va fatto conoscere alle anime. 

A gloria di Dio. E a loro salvezza.

domenica 24 maggio 2020

IN TEMPI DI #CORONAVIRUS - 3


Oh, se potessimo comprendere
chi è quel Dio che riceviamo nella Comunione,
quale purezza di cuore gli porteremmo!

(Santa Maria Maddalena de' Pazzi)

Purezza di cuore,
cioè ASSENZA DI PECCATO MORTALE.

Fede.  

Adorazione profonda.

Amore.

Gratitudine infinita.

E, di conseguenza,
RISPETTO per il Sacro Corpo
di Nostro Signore,
DIO
VIVO nella SS. Eucaristia.

Condizione IMPRESCINDIBILE,
senza la quale 
- in questi tempi di purificazione, persecuzione e dolore - 
NON è possibile accostarsi DEGNAMENTE 
alla S. Comunione.

Approfondimenti ed indicazioni al fine di non unirsi alla profanazione della Santissima Eucaristia, qui:

sabato 23 maggio 2020

IN TEMPI DI #CORONAVIRUS - 2


Quando il Figlio dell’uomo ritornerà,
troverà ancora la fede sulla terra?
(Lc 18, 8)

Fede nella sua Presenza REALE
in OGNI Ostia consacrata
con il suo Corpo, Sangue, Anima e Divinità.

La Santissima Eucaristia
Cuore della Chiesa cattolica.

Cuore VIVO,
che l'inferno tenta con ogni mezzo
di schernire, di oltraggiare, di profanare
mediante i suoi satelliti qui in Terra.

Ma che tale resta.

E resterà con noi
fino alla fine del mondo.

... Anche tu che leggi,
difendi la Santissima Eucaristia!
Difendi l'Emmanuele,
il Dio-con-noi!

DIO,
che in quanto tale
non sarà MAI veicolo di contagio,
ma medico e medicina,
santo e santificante.

NON unirti alla profanazione!

Adora Gesù Eucaristia
mediante la Comunione spirituale!

Approfondimenti e testo:
https://lasantissimaeucaristia.blogspot.com/2020/05/in-tempi-di-coronavirus-1.html